Il progetto > Piattaforma Civica
 

CHI SIAMO

 

Da un’idea di Associazione Civica Brescia e di Officina della città un anno fa è nata Piattaforma Civica. È una proposta per Brescia, un’ idea di buon governo della città. Francesco Onofri è il nostro candidato sindaco per le elezioni del 2013.

 

 

LE RAGIONI DEL NOSTRO IMPEGNO

 

Tutti provano ormai sfiducia e fastidio verso i partiti, incapaci di autoriformarsi. Un’aggregazione civica unita ed aperta vuole evitare la dispersione di energie sane e riportare con più forza la voce dei cittadini in palazzo Loggia. Sostituire il vecchio con un nuovo improvvisato o fare grandi appelli etici non serve. Serietà, impegno non urlato, volontariato nella politica sono invece le nostre parole d’ordine per coinvolgere i cittadini bresciani e guadagnare la loro fiducia. Per cambiare pagina occorre davvero l’impegno di tutti. Piattaforma Civica non è quindi luogo per fare solo domande, ma per costruire insieme risposte.

 

 

QUELLO CHE ABBIAMO FATTO

 

Non partiamo da zero: c’è un percorso di oltre quattro anni fuori dal “palazzo”, fatto di incontri pubblici, dibattiti continui sulla rete, confronti con la politica e con esperienze virtuose di città diverse, anche straniere. Abbiamo lavorato e lavoreremo ancora nei prossimi mesi alla costruzione di un disegno di governo, anche con gruppi di lavoro su molti temi, allargati al contributo dei cittadini.

 

 

IL METODO

 

un solo mandato di cinque anni: Francesco Onofri, il nostro candidato sindaco conclusa l’esperienza in Loggia lascerà il suo posto ad altri, perché ciò che conta sono soprattutto la squadra, il progetto, l’intelligenza e il lavoro collettivo;

 

ricambio dei nomi di chi da decenni ricopre cariche politiche;

 

più competenze al governo della città;

 

partecipazione e confronto costante: il sindaco riceve i cittadini, entra nelle loro case e li ascolta per conoscerne i problemi; e per dare l’esempio in un periodo di tagli della spesa pubblica rinuncia al 25% del compenso di sindaco.

 

 

ALCUNI PUNTI DEL PROGRAMMA

 

la famiglia va aiutata nei momenti di crisi, con agevolazioni, sconti, aiuti alle madri, sport per i giovani e per tutti nei quartieri, impegno per la scuola;

 

anche le imprese vanno sostenute, per salvare posti di lavoro e per guardare al futuro con coraggio, favorendo incontri di idee e progetti tra università e impresa;

 

massima attenzione all’ambiente, alla mobilità ciclabile e sostenibile; impegno per il successo nel- l’utilizzo del metrobus; sì al parco delle cave;

 

Brescia smart city: partendo dal patto dei Sindaci, pensare e costruire una città, anche attraverso progetti pilota, che sappia fare di più con meno risorse;

 

c’è troppo cemento: si può fabbricare solo eliminando volumi vecchi e inquinanti;

 

riorganizzare e valorizzare la macchina comunale, limitare le spese per gli incarichi e gli affidamenti esterni, ridurre il numero delle società partecipate;

 

fare housing sociale incentivando i proprietari delle troppe case vuote ad affittarle a famiglie bisognose, con l'aiuto e la garanzia di enti e fondazioni sociali;

 

una politica culturale per la crescita della persona e che esalti ciò che c’è a Brescia;

 

valorizzare il volontariato, diffondendo modelli virtuosi che già esistono in città, concedendo edifici comunali vuoti, sostenendo e coordinando le forze in campo.
 

 

PRESENTAZIONE DI UN PROGETTO PER LA CITTÀ 

(Novembre 2011)

 

 

L’INIZIATIVA

 

Da un’idea di Officina della città, dell’Associazione Civica Brescia e di Ecologisti e civici nasce Piattaforma Civica.

 

Si tratta di un percorso e insieme di una proposta per Brescia e consisterà sia in incontri con i cittadini nei quartieri, con le categorie e con le associazioni, sia in conferenze, eventi e riflessioni sui temi della città. Tutti conoscono le tre diverse realtà associative che danno vita a Piattaforma Civica, le loro attitudini, la loro storia. Ciascuna di esse, conservando la propria identità, darà il suo apporto a questo percorso. Il nostro è però solo un primo nucleo costituente.

 

Come dice il nome che abbiamo scelto, Piattaforma Civica si propone infatti di essere una base per costruire ed aggregare, per dare fondamento ad un programma civico che in verità è essenzialmente politico. Piattaforma Civica sa quali sono le priorità per fare di Brescia una città più moderna, più sostenibile e attenta all’ambiente, ai bisogni dei più deboli e delle giovani famiglie. Una città pronta ad aiutare le imprese ad uscire dalla crisi guardando al mondo con occhi diversi e con coraggio. Una città consapevole che il processo dell’integrazione deve essere condotto ad assecondato con rigore, senza buonismi e senza però creare tensioni strumentali e dannose.
 

LE RAGIONI

 

Il grado di rappresentanza che i partiti tradizionali hanno dei cittadini è sempre più basso. La politica partitica è troppo distratta da logiche autoreferenziali che l’hanno allontanata dalle sue originarie idealità.

 

Il crescente numero di elettori che si astengono e che ormai sono il primo partito italiano ne è la prova più evidente. Sfiducia e fastidio verso la politica spesso colpiscono purtroppo anche chi, soprattutto nelle realtà locali, continua ad impegnarsi con passione e merito. Una realtà civica vuole essere la soluzione per evitare la dispersione di queste energie e di buoni propositi, spesso dovuta a meccanismi di potere fine a se stesso, carrierismi, metodi spartitori, aspri contrasti nelle coalizioni e all’interno degli stessi partiti. Oggi anche più che in passato è indispensabile e non più differibile che la politica ritrovi un percorso di autentico rinnovamento.

 

Occorre anzitutto un cambiamento generazionale, anche perché è giusto che i giovani tornino ad essere protagonisti delle scelte che li riguardano. Officina della città è nuova alla politica, mentre alcuni esponenti dell’Associazione Civica Brescia e di Ecologisti e civici hanno avuto esperienze in amministrazioni locali, ma hanno deciso di rinnovarsi e di rilanciare con coraggio un gruppo dirigente giovane e competitivo. Occorre però anche la partecipazione di cittadini maturati e cresciuti nel loro lavoro e nelle loro professioni, oppure nella dimensione domestica e familiare, che decidano di dedicare tempo, energie e competenze alla cosa pubblica ed alla città.

 

Chiediamo quindi ai bresciani di rivolgersi alla nostra Piattaforma Civica non solo per rivendicare diritti e avanzare istanze e pretese, ma soprattutto per cominciare a costruire insieme risposte. Solo una partecipazione autentica e solo l’unione delle forze possono dare risultati concreti ed attuare davvero il generale dovere di solidarietà sancito dalla Costituzione.

 

Coinvolgere i cittadini, convogliare le straordinarie forze imprenditoriali, culturali e morali della grande tradizione di Brescia: questo dunque un ingrediente fondamentale del progetto, per favorire la creazione di una nuova classe dirigente della città “forte e libera”, che abbia una visione alta, senza calcoli, per il bene comune. Anche per questo chi partecipa alla vita pubblica deve saperlo fare a tempo determinato. Non solo perché opportuno che il potere non permanga per troppo tempo nelle stesse mani. Ma anche perché è normale passare il testimone dopo un impegno faticoso se non si hanno secondi fini, se non si è mossi da personalismi, se non si è fatto della politica una fonte insostituibile dei propri guadagni o la ragione esclusiva della propria esistenza.
 

LE ELEZIONI DEL 2013

 

Il percorso civico di Piattaforma Civica potrebbe giungere anche ad un impegno elettorale per le elezioni comunali del 2013. Se questo accadrà, sarà però solo se il progetto avrà dato i risultati sperati, solo se Piattaforma Civica avrà saputo costruire, aggregare, raccogliere consensi in modo efficace e consistente, definendo il suo programma durante il suo cammino.

 

L’obiettivo non è infatti quello di andare alla ricerca di posti di potere in quanto tali, ma di portare in palazzo Loggia direttamente la voce dei cittadini e in particolare di quelli che avranno accettato di far parte di questa iniziativa o le avranno dato fiducia.

 

Se il percorso approderà alla competizione elettorale, Piattaforma Civica avrà sicuramente un suo candidato sindaco con obiettivi ambiziosi. Non per questo si sottrarrà al dialogo leale e costruttivo con i partiti tradizionali, con cui discuterà le condizioni e fisserà i punti inderogabili di programmi e progetti. Il traguardo irrinunciabile di questo confronto con i partiti rimane però la partecipazione più autentica ed effettiva dei cittadini al governo della città.